La scuola dell'infanzia – dai 3 ai 6 anni – Scuola Materna Viterbo

 

La nostra scuola dell’infanzia ( Scuola Materna) è un servizio educativo che risponde ai bisogni dei bambini dai 3 ai 6 anni, favorendone un equilibrato sviluppo psico-fisico.
Affiancando l’opera educativa dei genitori e tenendo conto dell’esperienza del bambino, predispone un ambiente adeguatamente stimolante per la crescita e l’apprendimento.
La determinazione delle finalità della scuola dell’infanzia deriva proprio dalla visione del bambino come soggetto attivo, impegnato in un processo di continua interazione con i pari, gli adulti, l’ambiente e la cultura.
In questo quadro gli obiettivi generali del processo formativo finalizzano il progetto della scuola dell’infanzia al rafforzamento dell’identità, dell’autonomia e delle competenze dei bambini.
La programmazione delle attività ludiche e didattiche tiene conto dei bisogni del bambino e fornisce occasioni adeguate alle potenzialità di apprendimento, di esplorazione, di conoscenza, di affettività e socializzazione, valorizzandone l’identità personale.
E’ previsto, inoltre, l’accompagnamento del bambino/a nell’apprendimento di una lingua inglese attraverso un metodo assolutamente naturale.

I campi di esperienza nella scuola dell’infanzia.
.
I campi di esperienza sono “i diversi ambiti del fare e dell’agire” del bambino e quindi i settori specifici di competenza che offrono a tutti i bambini tra i 3 ed i 6 anni un percorso formativo ricco e approfondito capace di farli procedere verso livelli sempre più significativi di conoscenza e sicurezza di sé, di autonomia e socialità, di saperi e saper fare.
La struttura didattica è organizzata per Unità di Apprendimento, ognuna delle quali ha obiettivi formativi e campi d’esperienza affini all’età di riferimento di ciascuna classe della scuola dell’infanzia.

I campi di esperienza sui quali il nostro staff lavora, in linea con le vigenti Disposizioni Ministeriali, sono i seguenti:

– Il sé e l’altro;
– La conoscenza del mondo;
– I discorsi e le parole;
– Il corpo e il movimento;
– Linguaggi, creatività ed espressione.

Per ogni ambito, i docenti individuano le basi di partenza e procedono alla formulazione di obiettivi specifici di apprendimento ed alla scelta delle attività, stabilendo i percorsi, le metodologie e le modalità di verifica.

La programmazione didattica annuale sarà sviluppata attraverso uno Sfondo Integratore che sarà il collante di tutti i progetti sviluppati nei Piani Personalizzati.

Per pianificare i progetti sono necessari:
1. un’attenta Osservazione del bambino e del gruppo nel quale è inserito;
2. una costante Verifica e Valutazione (iniziale, intermedia e finale) al fine di monitorare le proposte in corso di attuazione, documentare i traguardi raggiunti ed apportare eventuali interventi necessari in base ai risultati ottenuti.